Torniamo sul confronto tra l’AGCM e Facebook sulle presunte violazioni di quest’ultima in materia di tutela del consumatore con l’irrogazione di una nuova sanzione complessiva di € 7 milioni nei confronti di Facebook Ireland Ltd. e Facebook Inc. in solido tra loro.

La vicenda non può ritenersi ancora del tutto conclusa, in quanto pende un ricorso di FB al Consiglio di Stato contro la decisione del TAR del Lazio, immediatamente esecutiva, che aveva confermato la prima sanzione per pratiche ingannevoli e annullato la seconda per pratiche aggressive. In aggiunta, anche questo secondo provvedimento sanzionatorio dell’AGCM per inottemperanza di parte del proprio provvedimento confermato dai giudici amministrativi, è impugnabile dinanzi al TAR del Lazio.

Precedenti passi

antitrust contro Fb

Successive sanzioni irrogate

Queste seconde sanzioni sono state irrogate a Facebook Ireland Ltd. e Facebook Inc. in solido tra loro:

  • € 5 milioni per la rilevante carenza informativa tutt’ora in corso
  • € 2 milioni per la mancata pubblicazione della dichiarazione rettificativa.

Queste sanzioni, quindi, non puniscono violazioni nuove di Facebook bensì il mancato adeguamento della stessa azienda alle prescrizioni correttive del precedente provvedimento già comprensivo di ulteriori sanzioni; provvedimento che è stato parzialmente confermato dal TAR del Lazio. Contro la decisione dei giudici amministrativi l’azienda, in successione, ha fatto ricorso al Consiglio di Stato.