Skip to content

Pubblicità mirata verso utenti social

I bollettini di House of Data Imperiali sono degli estratti delle Puntate del Servizio di Informazione Giuridica (SIG), a cura dell’Avv. Rosario Imperiali d’Afflitto.

Il SIG è fruibile tramite abbonamento.

Pubblicità mirata verso utenti social

Il 13 aprile 2021 il Comitato europeo per la protezione dei dati (EPDB) ha adottato la versione finale (v. 2.0) delle linee guida 8/2020 sul targeting degli utenti dei social media a seguito della conclusione della fase di consultazione pubblica.  Successivamente, il 7 luglio 2021 lo stesso EDPB ha rilasciato una nuova versione 2.1 dello stesso documento, contenente la modifica ai riferimenti alle linee guida EDPB 07/2020 sulle nozioni di titolare e responsabile nel GDPR.

Le linee guida 8/2020 affrontano la questione dei ruoli e delle responsabilità, in tema di protezione dei dati personali, del promotore pubblicitario e del fornitore di servizi di social media, riguardo alle operazioni di pubblicità mirata effettuate utilizzando dati personali degli utenti delle piattaforme social.

Linee_guida_EDPB_8_2020

 

 

Attori

Le campagne pubblicitarie che, direttamente o indirettamente, interessano le piattaforme social possono prevedere il coinvolgimento di una moltitudine di attori che operano nelle diverse fasi dell’ecosistema digitale (detto “adtech”): fornitori di servizi di marketing, intermediari di reti pubblicitarie e di scambi di inserzioni pubblicitarie, fornitori di piattaforme lato domanda e lato offerta, fornitori di gestione dei dati (DMP) e aziende di analisi dei dati.

Tuttavia, il fulcro delle operazioni di pubblicità mirata tramite social interviene fra tre attori principali: 

  1. il promotore pubblicitario
  2. il fornitore della piattaforma social
  3. l’utente di tale piattaforma che rappresenta il bersaglio del messaggio promozionale.

 

1. Promotore pubblicitario

Il promotore pubblicitario (detto anche “targeter”) è la persona fisica o giuridica che si avvale dei servizi della piattaforma social per effettuare pubblicità mirata, individuando specifici parametri o criteri di selezione degli utenti (o, meglio, scegliendo tra quelli messi a disposizione dal fornitore social) cui indirizzare il messaggio promozionale.

In questo modo, vengono proposti messaggi pubblicitari personalizzati durante l’utilizzo della piattaforma o anche accanto ai contenuti generati dagli utenti. I promotori possono avere i propri siti Web e app, «dove possono integrarsi specifici strumenti o funzionalità aziendali dei social media come plug-in social o login o utilizzando interfacce di programmazione delle applicazioni (API) o kit di sviluppo software (SDK) offerti dai fornitori di social media». 

Queste attività comportano, per lo più, una condivisione di dati personali degli utenti tra promotore e fornitore di social media, su cui entrambi esercitano un potere decisionale riguardo a finalità e mezzi.

2. Fornitore della piattaforma social

Il fornitore di social media mette a disposizione un servizio online che consente all’utenza – per lo più registrata con un proprio account ma talvolta ed entro certi limiti anche non registrata – di pubblicare e condividere informazioni e contenuti specie all’interno di reti o comunità di utenti. Il fornitore di social media determina le funzionalità del servizio, quali dati vengono trattati, per quale finalità, a quali termini e con quali modalità. 

La raccolta di informazioni sugli utenti su larga scala, permette al fornitore di social media di classificarli in base alle caratteristiche socio-demografiche, interessi e preferenze e far sì che queste classificazioni siano messe a disposizione dei promotori per iniziative di pubblicità mirata. Conseguentemente, insieme a trattamenti di dati personali degli utenti della piattaforma di cui il fornitore è titolare autonomo si aggiungono ulteriori trattamenti per i quali il fornitore social condivide con il promotore finalità e mezzi, assumendo il ruolo di contitolare con quest’ultimo. Come nel caso dell’utilizzo dei dati personali degli utenti appartenenti a quelle classificazioni che sono state prescelte dal promotore sulla base di parametri e criteri di propria scelta.

3. Utente social

Dal punto di vista della protezione dei dati personali, l’utente social è sia il cosiddetto “account”, cioè l’utente che si è previamente identificato e registrato alla piattaforma, sia l’utente non registrato. Difatti, alcune piattaforme social sono ad accesso libero in quanto consentono a chiunque, anche senza preventiva registrazione, di usufruirne; sebbene spesso chi non si registra non è in grado di utilizzare a pieno le funzionalità o i servizi offerti. I fornitori di social media possono anche consentire il targeting di individui che non hanno un account, in quanto sono in grado di classificarli in base a interessi, dati sociografici, comportamenti o altri identificatori.

L’utente non registrato, nonostante non sia direttamente identificato, è comunque considerato un soggetto “interessato” ai sensi dell’articolo 4.1 del GDPR, in quanto gli elementi di classificazione lo rendono comunque identificabile indirettamente.

Per continuare a leggere questo articolo devi essere abbonato al Servizio di Informazione Giuridica.

Sei già abbonato?